Caffetteria

In primo piano

Musica in Santa Cristina

Febbraio / Giugno 2016

IX edizione Febbraio / Giugno 2016 Il programma di questa nuova edizione è stato realizzato grazie alla collaborazione con Istituzioni musicali, antiche e recenti, che hanno sede e operano in Bologna e in Emilia Romagna, con risonanza non solo locale, ma nazionale e internazionale: la Regia Accademia Filarmonica di Bologna, l’Accademia Pianistica di Imola, l’Associazione Conoscere…

Approfondisci

Per la visita

Il palazzo

Inaugurata nel 2007, la Chiesa di Santa Cristina è stata riaperta al pubblico come centro privilegiato per l’ascolto della musica, e offre ogni anno, da ottobre a maggio, rassegne dal carattere unico affidate ad interpreti d’eccezione.
All’interno della chiesa è possibile ammirare le uniche due testimonianze scultoree del pittore barocco Guido Reni, raffiguranti i Santi Pietro e Paolo. Il ciclo di opere di Santa Cristina è un compendio della scuola artistica bolognese tra il ‘500 e il’ 700, culminante nella grande Ascensione di Ludovico Carracci, sull’altare maggiore.

La storia

Le prime notizie su Santa Cristina alla Fondazza risalgono al 1247, quando le monache camaldolesi trasferiscono all’interno delle mura di Bologna il loro convento di Settefonti (nel Comune di Ozzano).
La chiesa che vediamo oggi fu costruita nel 1602 da Giulio della Torre, architetto della cerchia di Domenico Tibaldi.
L’interno a navata unica spicca per la strozzatura del presbiterio, che diventa una cassa di risonanza tale da trasformare Santa Cristina in un architettonico strumento musicale, dove il suono si diffonde con stupefacente nitidezza acustica.
Proprio da questa caratteristica nasce il mito delle “suore musicanti”: nell’aula retrostante l’area absidale le suore cantavano protette da occhi indiscreti e la loro voce, attraverso due grate poste sopra l’altare maggiore, si propagava senza eco e senza rifrazioni fino all’ingresso. Chiusa e riaperta diverse volte, in seguito agli espropri napoleonici, con l’Unità d’Italia la Chiesa di Santa Cristina divenne magazzino militare e il convento una caserma.

Torna alla home